La laminazione delle piene del Torrente Lura nei comuni di Bregnano e Lomazzo
 
 
 
 
 
 
 
 
Espropri

 

Informazioni generali sull’esproprio


L’espropriazione per pubblica utilità è un istituto giuridico relativo ai procedimenti di trasferimento coattivo (o volontario) del diritto di proprietà su di un bene immobile o di altro diritto reale da un soggetto (espropriato) ad un altro soggetto (beneficiario) in forza di un atto di una pubblica amministrazione o soggetto autorizzato da legge (autorità espropriante), e a seguito di giusto indennizzo, consentendo di sacrificare l’interesse privato in vista di un interesse pubblico.
 

Fasi dell’esproprio


Prima fase: imposizione del vincolo preordinato all’esproprio

In pratica si disegna l’opera pubblica sullo strumento urbanistico del Comune consentendo ai proprietari di proporre le proprie osservazioni, alle quali l’Ente deve rispondere.
 

Seconda fase: dichiarazione di pubblica utilità

Dopo aver esperito la fase di consultazione con i proprietari l’Autorità, mediante l’approvazione specifica del progetto, qualifica l’opera come di pubblica utilità quindi necessaria alla collettività e quindi da realizzare. Tutti i beni espropriabili sono raccolti in un documento definito PIANO PARTICELLARE che raccoglie tutte le informazioni sul bene tipo: Comune - Catasto - numero mappale - superficie - proprietario.
 

Terza fase: determinazione dell’indennità

La quantificazione e la comunicazione dell’indennità di esproprio (la valutazione del bene espropriato) è obbligatoria ed è suddivisa in:

Per le aree effettivamente coltivate è determinata in base al criterio del valore agricolo effettivo, tenendo conto delle colture effettivamente praticate e del valore dei manufatti edilizi legittimamente realizzati. Al proprietario coltivatore diretto o imprenditore agricolo spetta un indennità aggiuntiva pari al Vam della coltura praticata.

Per le aree non coltivate (destinazione a verde pubblico, impiantistica sportiva, parcheggi etc.), l’indennità deve essere determinata in base al valore venale.

Per un’area edificabile, viene determinata in misura al valore venale (di mercato) del bene, Il valore è aumentato del 10% nei casi in cui è stato concluso l’accordo di cessione. Per un area legittimamente EDIFICATA, solitamente sono fabbricati con varia destinazione, o porzioni e le loro pertinenze, l’art. 38 del Dpr 327/2001 stabilisce che l’indennizzo è commisurato al valore venale dello stesso, solo se legittimamente edificato.
 

Quarta fase finale: il decreto di esproprio e immissione in possesso del bene

Il decreto di esproprio è l’atto con il quale si trasferisce la proprietà del bene in via definitiva, equivale al rogito notarile. Per l’esecuzione del decreto occorre redigere un verbale di possesso del bene in contraddittorio con il proprietario. Quindi si procederà alla registrazione ed alla trascrizione del decreto come pubblicità legale dell’avvenuto trasferimento. Ogni imposta è a carico del Beneficiario dell’esproprio.

 

Ordine pagamento BURL Serie Avvisi e Concorsi n. 44 - 29-10-2014.pdf

Ordine pagamento BURL Serie Avvisi e Concorsi n. 53 - 31-12-2014.pdf

Decreti pubbl. BURL serie Avvisi e Concorsi n. 4 - 21-01-2015 (pdf)

Ordine pagamento BURL Serie Avvisi e Concorsi n. 11 - 11-03-2015 (pdf)

Decreti pubbl. BURL serie Avvisi e Concorsi n. 41 - 07-10-2015 (pdf)

Ordine pagamento BURL Serie Avvisi e Concorsi n. 41 - 07-10-2015(pdf)

 

 

 

 
   
   
       
  I Documenti
 
   
 

Articolo
PTR lombardo ed opere di laminazione delle acque con assetti paesaggistici. Introduzione alla natura del vincolo urbanistico

PDF

   
 
   
 

Variante urbanistica necessaria per localizzare l’opera pubblica

Delibera di approvazione
(pubbl. BURL n. 10 del 05/03/2014)
 Comune di Lomazzo

PDF

Delibera di approvazione
(pubb. BURL n. 23 del 04/06/2014)
 Comune di Bregnano

PDF

   
 
   
 

Dichiarazione della Pubblica Utilità dell’Opera pubblica

Avviso di avvio del procedimento

PDF

Comunicazione di avvenuta dichiarazione di pubblica utilità

PDF

Piano particellare grafico

PDF

PDF

Piano particellare descrittivo

PDF

PDF

Delibera del CDA Consorzio Parco del Lura n. 46 del 15/11/2013 di approvazione dello schema del progetto definitivo

PDF

Delibera del CDA Consorzio Parco del Lura n. 36 del 28/07/2014 di approvazione del progetto definitivo e dichiarazione pubblica utilità riferita al solo lotto 1° - 1° e 2° stralci funzionali

PDF

   
 
   
 

Modulistica

Modello per accesso agli atti

PDF

Modello accettazione indennità

PDF

   
       
 
 
 

 

 

    Questo browser non supporta i plug-in Mp4 del video
     

 

La laminazione delle piene del Torrente Lura nei comuni di Bregnano e Lomazzo
c/o Consorzio Parco del Lura - via IV Novembre 9/A - 22071 Cadorago (CO) loc. Caslino al Piano -
Tel.: 031-901491 Fax.: 031-8881621 - Email: info@laminazionelura.it
Copyright © 2017 Etatec Studio Paoletti srl - Tutti i diritti riservati a norma di legge